Acuile dal Friûl - Aquila del Friuli

Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvignûts!
Willkommen!
Dobrodošli!
Benvenuti!


Salviamo la nostra identità e la nostra storia, la nostra economia e l’ottimo rapporto con gli Stati del centro Europa, le nostre famiglie e i nostri giovani, fermiamo il declino della società e salvaguardiamo la salute dei cittadini, prendiamo in mano l’Autonomia del Friuli quale esempio per l’Italia e non come suddito di Trieste, di Roma o di Milano.
Oltre 1000 anni di storia e una Lingua ufficialmente riconosciuta, sono più che sufficienti per ambire a tutto questo, con orgoglio e con determinazione.
Ci sono alcuni “autonomisti” che guardano ai partiti o ai personaggi politici storici del centro-destra e altri a quelli del centro-sinistra. Scelta legittima ma che pone le esigenze del Friuli comunque e sempre in secondo piano (elettrodotti, acqua privatizzata, tagli alla sanità, business dei rifugiati” ), perché ai loro partiti italiani di riferimento, il Friuli, non interessa.

ACUILE DAL FRIÛL” -AQUILA DEL FRIULI” invece è un Movimento veramente Friulano Autonomista, indipendente dai partiti e dai politici italiani, aperto a tutti e in particolare ai giovani che credono che la terra dei loro padri possa diventare anche il loro futuro e quello dei loro figli, a tutti coloro che vogliono un futuro a questa nostra Regione, composta dai territori di Pordenone, Udine, Gorizia e la nostra amata montagna, nel rispetto di tutte le sfumature culturali e linguistiche presenti.

Da oggi, insieme, cambiamo la storia:  salviamo il Friuli !


Cumò Vonde !

La LEGA  è contro il  FRIULI !

Ora il progetto cosiddetto “a tre enti locali intermedi” non è più solamente una idea lanciata sui giornali da Saro; ma sembra proprio concretizzarsi nei partiti italiani presenti al consiglio Regionale, la chiara volontà di distruggere il Friuli e cancellare per sempre Gorizia e il suo territorio.  E di questo rimaniamo convinti fino a che non sentiremo la voce di qualche Consigliere battersi perchè ciò non accada.

E' impressionante come la Lega (Fedrigà è il Presidente, leghista e triestino), in pochi mesi sia passata da una dichiarazione soft ad una volontà perentoria di devastare l'Identità di questa Regione.

Poco prima delle Elezioni, Fedriga e le sue "promesse" parlavano della volontà di abolire le UTI per poi costituire 4 o 5 province, forse con elezione diretta egli amministratori, il tutto documentato in un' ’intervista resa in piena campagna elettorale nell’Aprile 2018

Poi a fine anno 2018,  l'Assessore Regionale alle Autonome Locali Roberti, ha iniziato a prendere posizione affermando intenzioni ben diverse rispetto a quelle dichiarate a suo tempo da Fedriga, in perfetta linea con un'intervista rilasciata da a Saro, politico che non ha partecipato alle elezioni regionali ma che sembra quasi detenere il controllo della Regione e persino del suo Presidente Fedriga, eletto invece anche da una parte Popolo friulano.

Due soluzioni da attuare nel giro di pochi mesi, entrambi penalizzanti ila Comunità di Lingua friulana ed in sfregio alla sua Storia, cultura e identità. Entrambe un massacro per la Città di Gorizia e per la sua Provincia, entrambe con conseguenze letali sull'attivo Porto di Monfalcone e la sua economia, destinati ad un futuro pieno zeppo di "no se pòl ...".

Siamo al 17 gennaio 2019, e sulla stampa iniziano a fioccare interviste e articoli dove l’Assessore Regionale alle Autonome Locali Roberti prende una chiara posizione e in cui si indicano tempi di attuazione molto, troppo brevi per evitare di fare un pasticcio peggiore di quello delle UTI:  solo qualche mese !

Le soluzioni proposte sono ancora una volta uno sfregio a tutta la Comunità friulana, da Pordenone a Gorizia, passando per Udine e la sempre più abbandonata montagna friulana.
O tre Province con Gorizia, il suo territorio e parte della Bassa friulana "annessi" a Trieste
O la Città Metropolitana di Trieste  il cui territorio sia  comunque quello appena citato e non solo la ex provincia triestina.

E' chiaro come tutti quei friulani che hanno dato fiducia alla LEGA ora si sentano traditi, colpiti al cuore da chi aveva promesso una politica migliore della Giunta precedente.

Il Movimento Acuile dal Friûl si è attivato da subito per porre un freno a questa insensata devastazione istituzionale e al grande tradimento dei friulani da parte della LEGA !




EPIFANIA 2019

Inizia il nuovo anno anche per il Patriarcato d'Aquileia
Forse non tutti conoscono il Patrimonio Spirituale del Patriarcato di Aquileia e di Concordia, sapete quali sono i Santi friulani di questi territori ?
Bene allora come Acuile dal Friûl vogliamo augurare a tutti un Buon Anno e regalarvi questi importanti documenti:

Da qui puoi vedere e scaricaricare il
 
Calendario dei Santi Friulani di Aquileia e Concordia ( GO PN UD )

Da questo  Link invece puoi vedere e scaricare l'interessante documento sui
Video sulla Città Friulana di Aquileia.


Un Buon 2019 a tutti i friulani !






Per spiegare il Friuli !


Due pagine per spiegare e capire che cos'è il Friuli, il suo Popolo, la sua storia, la sua Lingua.
Tutto ciò che i politici di Trieste continuano a ignorare, anzi a cercare di rimuovere dalla storia passata, presente e futura.
Un documento importantissimo da leggere tutto d'un fiato, dove trovate gli obbiettivi del Movimento Aquila del Friuli - Acuile dal Friûl ma anche i vostri obbiettivi, ciò che sperate per voi e per i vostri figli, un futuro migliore, un futuro da friulani, orgogliosi di esserlo !

Scarica qui il documento

 Volantino Aquila del Friuli 2018



Intestazione ufficiale della Regione prima dell'intervento della Giunta Illy con la modifica parziale del nome da F-VG a FVG, operazione volta a creare un'immagine integrata delle due entità invece molto ben distinte, che formano questa Regione:  Friuli e Trieste.
A ognuna và ridata la propria identità creando due distinte aree con diritto legislativo e amministrativo propri.



FVG  ....  F-VG   ?

Si, la Legge Regionale e quella Statale stabilisconoe senza ombra di dubbio che la nostra Regione si chiama   Friuli - Venezia Giulia, con il trattino dunque !
Chi non lo usa, specialmente se si tratta di un'Istituzione, di fatto si pone al di fuori della Legge.

Il documento che potete leggere a questo link è il nuovo Statuto della Regione Friuli - Venezia Giulia dove si vede chiarmente che il nome DEVE avere il trattino !

  
nuovo Statuto della Regione Friuli - Venezia Giulia




FIRMA ANCHE TU !

INFO POINT ACUILE!!!

Dopo la FANTASTICA notte della Festa del Friûl di Rivignano, lo stand di Acuile non si ferma!! prossima tappa dell'info point Acuile a CORMONS nella mattinata di SABATO 17.11.2018, in centro, nei pressi della statua di Massimiliano d'Asburgo.
Avrete, tra le altre cose, la possibilità di contribuire con una VOSTRA FIRMA alla petizione popolare "GORIZIA IN FRIULI", nata per contrastare la folle idea della giunta regionale di accorpare il goriziano a Trieste, strappandolo alla sua millenaria appartenenza al Friuli. FORZA CORMONESI!!!

VI ASPETTIAMO A CORMONS SABATO 17 NOVEMBRE !



VAJONT:  UN VERGOGNA LUNGA 55 ANNI !


Sono passati 55 anni da quando dalla diga del Vajont uscì un'onda di acqua, fango e morte.

Una catastrofe annunciata ma ignorata come da sempre in uso in Italia. Uno Stato o meglio una classe politica che disprezza e ignora la voce dei suoi cittadini, trattati piuttosto da schiavi di Roma come inneggia nel suo sinistro inno.

Quando in Friuli inizieremo a capire quante disgrazie Roma ci porta anche ai tempi nostri: ci riempie di extracomunitari nulla facenti e ci aumenta le tasse per mantenerli; ci impone di essere governati da politici italiani meglio se meridionali o triestini impedendoci elegantemente di eleggere amministratori friulani, ci impone elettrodotti e dighe ma senza riconoscere la nostra sacrosanta autonomia riconosciuta dallo stesso Stato italiano peraltro.

Solo se i friulani sapranno sostenere un partito friulano ( e Acuile dal Friûl sta lavorando a questo progetto) allora, come in Sud Tirolo - Alto Adige, potremo far valere la nostra autonomia quella di un Popolo da 1 milione di persone.

Perchè non vogliamo altri Vajont !

#salviamoilfriuli



GORIZIA e la sua provincia:  Friuli al 100 %

Sono passati pochi giorni da quando sulla stampa è apparsa la notizia che si vorrebbe unire Gorizia e la sua ex Provincia, insieme a Trieste.
La proposta èdel ex senatore Ferruccio Saro, coordinatore di un movimento civico molto vicino al Presidente Fedriga, nell'ambito della revisione dell'assetto degli Enti Locali in Friuli-Venezia Giulia e condivisa da Progetto FVG.
L'idea sembra essere quella di costituire in Regione tre Macro Aree, due come le ex provicie di Pordenone e di Udine e questa nuova realtà di Gorizia e Trieste insieme, o meglio Gorizia "mangiata" dall'area metroplitana di Trieste, forse la venefica "venezia giulia".

Appare fin troppo chiaro che si tratta di un fatto gravissimo, che denota ancora una volta la prepotenza triestina di voler a tutti i costi spezzare la Comunità del Friuli.
Questa scelta è antistorica, perchè da sempre Gorizia e il suo territorio ha condiviso la sua storia con quella del Friuli, se possibile già dalla nascita ufficiosa della nostra Patria nel 568 d.C. con il Regno Longobardo.
E' antidemocratica in quanto calata dall'alto sulla comunità friulana di Gorizia e del Friuli intero, in totale spregio alla senibilità e volontà di un Popolo storicamente di quasi un milione di persone.
Inotre và in contrasto a quanto indicato dalle norme europee di protezione delle minoranze Nazionali che vietano il frazionamento territoriale su cui insiste tale Minoranza, emanate del Consiglio d'Europa e ratificate dall’Italia con la legge N. 302 - 1997 e dalla legge regionale 29 -2007

Il Movimento Acuile dal Friûl - Aquila del Friuli si è immediatamente mosso per verificare la veridicità di una tale volontà legislativa, atto che lede ferocemente il Popolo friulano e si attiverà presso gli organi della Regione Friuli - Venezia Giulia incontrando Gli Assessori competenti e lo stesso Fedriga, informando nel contempo i friulani mediante appuntamenti dedicati sui Social - Media, comunicati stampa e interventi TV, se servirà fino a giungere alla mobilitazione pubblica in piazza.

Crediamo inoltre sia opportuno che Acuile dal Friûl - Aquila del Friuli solleciti i Comuni della ex- Provincia di Gorizia e Gorizia stessa, a rivendicare la loro appartenenza al Friuli, opponendosi pubblicamente ad un simile progetto di prepotenza politica, se possibile, peggiore delle UTI della Serracchiani.



Aiuta il Friuli,
sostieni
Aquila del Friuli
Siamo l'unico Movimento politico friulano

 
Torna ai contenuti | Torna al menu