Acuile dal Friûl - Aquila del Friuli

Acuile dal Friûl - Aquila del Friuli
l'unico Movimento politico friulano !
Acuile dal Friûl
Aquila del Friuli
WebRadio
Vai ai contenuti

AQUILE LIBERE
la trasmissione TV che parla di te e del Friuli !

Ogni martedi alle ore 20,45 su Tele Pordenone (canale 15 del Digitale Terrestre) un importante appuntamento dove si parla di cultura e di politica, di ciò che interessa alle persone che in Friuli vivono, abitano e lavorano.

Ogni puntata una novità, tante informazioni e la possibilità per tutti di interagire con lo Staff di Aquile Libere

Tutte le trasmissioni si possono rivedere sul canale Youtube di "Acuile dal Friul" o cliccando su questo Link:


-------------------------------------------


06 giugno 2019

In tutto il Friuli oggi si ricorda uno dei maggiori Patriarchi: Beato Bertrando da San Genesio

Da Prata a Gorizia, da Timau a Monfalcone, in tutta la terra friulana troviamo traccia della sua presenza e della sua memoria.
Una figura religiosa carismatica e un Patriarca con potere temporale che operò con saggezza e coraggio per proteggere quel Popolo cui era stato a lui affidato.
Proteggere i confini e la dignità di un territorio, il Patriarcato di Aquileia, più antico della stessa chiesa romana.
Il Beato Bertrando pagò con la vita questo suo impegno.
La speranza è che il Beato aiuti i friulani a riscoprire l'onore e l'orgoglio di appartenere a questo Popolo e alla sua grande Storia o di sentirsi parte di esso se
provenienti da altri luoghi ( come Bertrando che era francese).
Che il Friuli possa avere ancora persone che lo difendano dai predatori vicini e lontani, che imparino dal Beato Bertrando a operare per le persone che hanno
dato loro fiducia e sempre con la testa alta, non "schiavi" dei nuovi padroni triestini e veneti che lo vorrebbero cancellato  per sempre dalla storia.
Che il Beato Bertrando ci doni ancora la forza per combattere e difendere le nostre famiglie, i nostri paesi, il nostro Friuli !

Da questo link è possibile scaricare un interessante documento multimediale sulle ricorrenze friulane

------------------------------


TARAMOT DAL ‘76:  braurôs di jessi Furlans!

I pôcs minûts di chê sere dai 6 di Mai dal 1976, a bastarin a distruzi plui di 1.000 vitis umanis e puartâ devastazion intune vore di paîs e Citât des Provinciis di Gurize, Pordenon e Udin, colpint in maniere une vore fuarte la aree culinâr e la Cjargne.

Une tragjedie che intai dîs dopo e à fat pensâ ai furlans, e in particolâr intes Comunitâts colpidis, la sensazion che chê e fos pardabon la fin di dut, de storie, de vite.
Ma dopo un prin "vueit" al rivà ancje la cussience che no dut al jere pierdût.
Daurman si son tiradis sù lis maniis di bande di chei che a jerin sorevivûts,cul preziôs aiût imediât dai "amîs" Austriacs e dal lôr esercit, il prin a intervignî in mût organizât sui lûcs de tragjedie.

La braùre di un Popul colpît cun durece ma no cancelât, la volontât di recuperâ la memorie storiche dai lûcs, cirint di visâsi cemût che a jerin e meti in sigurece costruzions e edificis recuperant i materiâi in mût inteligjent.

Il no fermâsi nancje dopo lis replichis tremendis di Setembar, cuant che tantis Autoritâts si son pleadis al "... Nol è plui nuie di fâ..."

Invezit propri la braùre e la fuarce di un grant Popul, ferît ma cussient di se, l'aiût di tancj furlans (e no dome) che a gratis a rivarin di altris areis de Regjon e di chei furlans che, emigrâts tal forest, a jentrarin in maniere temporanie par dâ il lôr aiût, dut al à contribuît ae seconde fase, tant impuartante, chê de ricostruzion materiâl, sociâl e morâl.

"Prime lis fabrichis, dopo lis cjasis, dopo lis glesiis..." al fo il sproc che di bessôl al esprimeve la volontât di rinassi e ripartî dant prioritât al lavôr, strument essenziâl par mantignî sul teritori cui che lu varès ricostruît dopo rivuardôs de storie passade ma cjalant al futûr, dulà che si àn butât lis basis par une organizazion volontarie e teritoriâl che e puedi intervignî in câs di calamitât e che e je stade clamade "Protezion Civîl".

La volontât dai furlans di cjalâ al futûr cu la Universitât dal Friûl, un strument essenziâl che al veve di jessi di sburt ae economie e ae culture dal Friûl.

Lis Istituzions, i Comissaris ... Dutis robis che a àn concorût (e in cualchi ocasion ostacolât) il miracul de ricostruzion dal Friûl, ancjemò vuê citât e cjapât come esempli in Italie e no dome, ma mai tornât a ripeti in altris bandis colpidis di tragjediis similis ancje in timps resints, dulà che cussience dal probleme e tecnologjie a varessin vût di agjevolâ la ricostruzion, in presince di brâfs e preparâts........ Comissaris no àn otignût il stes risultât.

Al è duncje just visâsi prime di dut lis vitimis di chê tragjedie, cui che al à sofiert e cui che al à judât, ma ancje ricuardâ a ducj nô che il miracul de ricostruzion al è stât pussibil in graciis dal Popul furlan e chest bisugne dîlu a vôs alte!
Parcè che al somee che intai ultins agns, cheste veretât discomude e dei fastidi e si ciri di difondi la idee che dut al è stât fat in graciis dal Stât talian e dai siei Comissaris ....

Invezit ognidun di nô al à di jessi braurôs di jessi di chest Popul che, dopo la distruzion de Prime Vuere mondiâl e dopo lis miseriis de seconde, ancje in cheste ocasion e à savût rinassi e cressi, esempli positîf che al à di stimolânus intal preservâ e valorizâ la nestre tiere e Patrie furlane, dal Timau ae Livence, de mont fin al mâr, difindintle de volontât di chei che in chescj mês a volaressin dismembrâle e cancelâ la nestre identitât Milenarie.

A ricuart di chel teribil ai 6 di Mai dal 1976 o vin fat un document in version PDF che o ritignìn tant interessant, cun Leams imediâts a contribûts video che a ripassin la storie di chel periodi. Un gracie particolâr a cui che al à dât il contribût massim ae sô realizazion.




TERREMOTO 1976:  orgogliosi di essere Friulani !

I pochi minuti di quella sera del 6 maggio del 1976, bastarono a distruggere oltre 1.000 vite umane e portare devastazione in tantissimi paesi e Città delle Provincie di Gorizia, Pordenone e Udine, colpendo in modo particolarmente forte l'area collinare e la Carnia.

Una tragedia che nei giorni a seguire fece scaturire nei friulani e in particolare nelle Comunità colpite, la sensazione che qeella fosse davvero la fine di tutto, della storia, della vita.
Ma dopo un primo "vuoto" arrivò anche la consapevolezza che non tutto era perduto.
Il rimboccarsi le maniche fin da subito di chì era sopravissuto, il prezioso e immediato aiuto da parte degli "amici" Austriaci e del loro esercito, il primo ad intervenire in modo organizzato sui luoghi della tragedia.

La fierezza di un Popolo duramente colpito ma non cancellato, la volontà di recuperare la memoria storica dei luoghi, cercando di ricordare com'erano e mettere in sicurezza costruzioni ed edifici recuperando i materiali in modo intelligente.

Il non fermarsi neanche dopo le tremende repliche di Settembre, quando molte Autorità si piegarono al "... non c'è più nulla da fare..."

Invece proprio l'orgoglio e la forza di un grande Popolo, ferito ma consapevole di sè, l'aiuto di tanti friulani (e non solo) che gratuitamente giunsero da altre aree della Regione e di quei friulani che, emigrati all'estero, rientrarono temporaneamente per dare il loro aiuto, tutto contribuì alla seconda fase, importantissima, quella della ricostruzione materiale, sociale e morale.

"Prima le fabbriche, poi le case, poi le chiese..." fù il motto che da solo esprimeva la volontà di rinascere e ripartire dando priorità al lavoro, strumento essenziale per mantenere sul territorio chi lo avrebbe poi ricostruito rispettoso della storia passata ma guardando al futuro, dove si gettarono le basi per un'organizzazione volontaria e territoriale che possa intervenire in caso di calamità e che venne chiamata "Protezione Civile".
La volontà dei friulani di guardare al futuro con l'Università del Friuli, uno strumento essenziale che doveva essere da sprone all'economia e alla cultura del Friuli.

Le Istituzioni, i Commissari ... tutte cose che hanno concorso (e in qualche occasione ostacolato) il miracolo della ricostruzione del Friuli, ancora oggi citato e preso ad esempio in Italia e non solo, ma mai ripetuto in altri luoghi colpiti da tragedie simili anche in tempi recenti, dove consapevolezza del problema e tecnologia avrebbero dovuto agevolare la ricostruzione, dove bravi e preparati..... Commissari non hanno ottenuto lo stesso risultato.

E' quindi giusto ricordare prima di tutto le vittime di quella tragedia, chi ha sofferto e chi ha aiutato, ma anche ricordare a tutti noi che il miracolo della ricostruzione è stato possibile grazie al Popolo friulano e bisogna dirlo ad alta voce!
Perchè sembra che negli ultimi anni, questa scomoda verità dia fastidio e si cerchi di diffondere l'idea che tutto avenne grazie allo Stato italiano e ai suoi Commissari ....

Invece ognuno di noi deve essere orgoglioso di appartenere a questo Popolo che, dopo la distruzione della Prima Guerra mondiale e dopo le miserie della seconda, anche in questa occasione ha saputo rinascere e crescere, esempio positivo che deve stimolarci nel preservare e valorizzare la nostra terra e Patria friulana, dal Timavo al Livenza, dalla montagna fino al mare, difendendola dalla volontà di coloro che in questi mesi vorrebbero smembrarla e cancellare la nostra millenaria Identità.

A ricordo di quel terribile 6 maggio 1976 abbiamo realizzato un documento in versione PDF che riteniamo molto interessante, con Link immediati a contributi video che ripercorrono la storia di quel periodo. Un grazie particolare a chi ha dato il massimo contributo alla sua realizzazione.


Da qui potete leggere o scaricare il documento:



EARTHQUAKE 1976: stolz darauf, Friaulisch zu sein!

Die wenigen Minuten dieses Abends am 6. Mai 1976 reichten aus, um mehr als 1.000 Menschenleben zu zerstören und viele Städte in den Provinzen Görz, Pordenone und Udine zu verwüsten, wobei sie die Hügelregion und Carnia besonders stark getroffen hatten.

Eine Tragödie, die in den folgenden Tagen in Friaul und insbesondere in den betroffenen Gemeinden das Gefühl erweckte, dass Qeella wirklich das Ende von allem, der Geschichte, des Lebens sei.
Nach einem ersten "Vakuum" kam jedoch das Bewusstsein, dass nicht alles verloren war.
Die Ärmel hochkrempeln sich weg von dem Überlebenden, der wertvollen und unmittelbaren Hilfe der österreichischen "Freunde" und ihrer Armee, die zuerst auf organisierte Weise an den Orten der Tragödie intervenieren.

Der Stolz eines Volkes wurde hart getroffen, aber nicht ausgelöscht, der Wille, das historische Gedächtnis der Orte wiederzuerlangen, sich zu erinnern, wie sie waren, und Gebäude und Gebäude in Sicherheit zu bringen, indem sie das Material auf intelligente Weise wiederherstellten.

Nicht einmal nach den schrecklichen Antworten des Septembers stehen geblieben, als viele Behörden sich verneigten, "... es gibt nichts mehr zu tun ..."

Stattdessen sind der Stolz und die Stärke eines großen Volkes, verwundet, aber sich seiner selbst bewusst, die Hilfe vieler Friaulianer (und anderer), die kostenlos aus anderen Regionen der Region kamen, und aus dem Friaul zurückgekehrte Auswanderer Um ihre Hilfe vorübergehend zu geben, trug alles zur zweiten, sehr wichtigen Phase bei, der materiellen, sozialen und moralischen Rekonstruktion.

"Zuerst die Fabriken, dann die Häuser, dann die Kirchen ...", war das Motto, das von sich aus den Willen zur Wiedergeburt äußerte und von neuem mit der Priorität der Arbeit begann. Dies ist ein wesentliches Instrument, um diejenigen, die es später mit Rücksicht auf die Vergangenheit aufbauen möchten, auf dem Territorium zu erhalten Blick in die Zukunft, wo die Grundlagen für eine freiwillige und territoriale Organisation geschaffen wurden, die im Katastrophenfall eingreifen konnte und "Zivilschutz" genannt wurde.
Der Wille des Friaul, mit der Universität von Friaul in die Zukunft zu blicken, ein wesentliches Instrument, das die Wirtschaft und Kultur Friauls vorantreiben musste.

Die Institutionen, die Kommissare ... all das, was dem Wunder des Wiederaufbaus von Friaul geholfen hat (und es gelegentlich behinderte), wurde in Italien immer noch als Beispiel genannt und nicht nur als solches, sondern an anderen Orten, die von ähnlichen Tragödien betroffen sind, nie wiederholt Selbst in jüngerer Zeit, als das Bewusstsein für das Problem und die Technologie den Wiederaufbau hätte erleichtern sollen, wo es gut und vorbereitet war ... Die Kommissare erreichten nicht dasselbe Ergebnis.

Es ist daher richtig, zuerst an die Opfer dieser Tragödie, an die Leidenden und an die, die geholfen haben, zu erinnern, aber auch uns alle daran zu erinnern, dass das Wunder des Wiederaufbaus dank des friaulischen Volkes möglich war, und wir müssen es laut aussprechen!
Es scheint, als ob diese unbequeme Wahrheit in den letzten Jahren gestört und versucht zu verbreiten, dass alles dank dem italienischen Staat und seinen Kommissaren zustande gekommen ist ...

Stattdessen muss jeder von uns stolz darauf sein, zu diesem Volk zu gehören, das nach der Zerstörung des Ersten Weltkriegs und nach dem Elend des Zweiten auch bei dieser Gelegenheit wusste, wie man wiedergeboren wird und wächst, ein positives Beispiel, das uns anregen muss, unser Land zu erhalten und aufzuwerten und die friaulische Heimat, vom Timavo bis zur Livenza, vom Berg bis zum Meer und verteidigt sie vor dem Willen derer, die sie in den letzten Monaten zerstückeln und unsere tausendjährige Identität auslöschen möchten.

In Erinnerung an diesen schrecklichen 6. Mai 1976 haben wir ein PDF-Dokument erstellt, das wir für sehr interessant halten, mit direkten Links zu Videobeiträgen, die die Geschichte dieser Zeit nachzeichnen. Ein besonderer Dank geht an alle, die den größtmöglichen Beitrag zur Realisierung geleistet haben.

Hier können Sie das Dokument lesen oder herunterladen:


Terremoto Friuli 1976


______________________________


GRAZIE GORIZIA!

E' un'esclamazione che giunge dal cuore di ogni friulano per la bella Festa della Patria del Friuli di Domenica.7 aprile.2019
Ma è anche un... arrivederci a Udine nel 2020, in occasione dei 943 anni di Friuli.
Un grazie agli organizzatori, ai collaboratori, a tutti i friulani e soprattutto ai tanti giovani presenti come ospiti e come organizzatori, segno che il desiderio e l'orgoglio di sentirsi Friulani non è alla fine bensì ad un rinnovamento generazionale e questo non può che farci piacere, perchè il futuro del Friuli cammina insieme ai giovani di oggi che saranno gli adulti di domani.
Mandi !


______________________________________


Domenica insieme a Gorizia per la festa ufficiale della Patria del Friuli

Domenica 7 aprile dalle ore 09.30 la Santa Messa e tanti appuntamenti a Gorizia in Borgo San Rocco, per festeggiare ufficialmente la Festa della Patria del Friuli.
Organizzata dall' Arlef, dall' Istitituto ladino Friulno "pre Checo Placereean" con il patrocinio della Regione Friuli - Venezia Giulia, la giornata vede protagonista il popolo friulano e a tutti è rivolto l'invito a partecipare.

Il Movimento friulano "Acuile dal Friûl - Aquila el Friuli" sarà presente con un proprio punto informativo e con la Troupe della trasmissione Aquile Libere.

Un appuntamento importante per il Friuli !

________________________________________________________________________________________



3 APRILE 1077  --  3 APRILE 2019

942 anni di storia del Friuli !

E' una data importante, un giorno di festa per ricordare la nostra storia, da dove veniamo e perchè è giusto eserne orgogliosi.

Domenica prossima, 7 aprile a Gorizia, si terrà la "festa ufficiale" riconosciuta e organizzata dalla Regione Friuli - Venezia Giulia, ma oggi 3 aprile è importante esporre la bandiera del Friuli proprio per ricordare la nostra appartenenza a questa terra e la nostra unica Identità.

Anche per questo Acuile dal Friûl  mette a disposizione un importante documento che propone Links e Video legati alle nostre radici, non per camminare indietro ma per avere maggiore conoscenza di noi stessi e guardare con fiducia al futuro, orgogliosi di essere friulani.

Benvignûts!  Willkommen!
Dobrodošli!  Benvenuti!

ACUILE DAL FRIÛL - AQUILA DEL FRIULI
è l'unico Movimento politico Friulano, Autonomista, indipendente dai partiti e dai politici italiani, aperto a tutti e in particolare ai giovani che credono che la terra dei loro padri possa diventare anche il loro futuro e quello dei loro figli, a tutti coloro che vogliono un futuro in questa nostra Regione, composta dai territori di Pordenone, Udine, Gorizia e la nostra amata montagna, nel rispetto di tutte le sfumature culturali e linguistiche presenti.

Insieme cambiamo la storia:  salviamo il Friuli !
CONTATTI

Web:          acuiledalfriul.org
Tel:            334 2512084
Mail:          aquiladelfriuli@gmail.com
Facebook:  Acuile dal Friul
Youtube:    Acuile dal Friul
Trasmissione TV Aquile Libere
Torna ai contenuti